Data e luogo di nascita: Asti, 1837

Data e luogo di morte: Torino, 24 ottobre 1884

Biografia:
Pittore italiano discendente da una nobile e ricca famiglia astigiana.
Fu allievo di Enrico Gamba all’Accademia Albertina ed iniziò ad esporre alla Promotrice nel 1859.
A Parigi, con Carlo Pittara, conobbe Troyon e Camille Corot (1865); poi si recò a Roma con Alfredo D’Andrade e Vittorio Avondo (1865/’66).
Scarso esito ebbe il suo incontro a Firenze, al Caffè Michelangelo, con i Macchiaioli. Fu attivo esponente del cenacolo di Rivara (dal 1864).
S’interessò degli aspetti storico-archeologici del Piemonte medievale, passione che lo accomunò ad Ernesto Bertea.
Si occupò di restauri e ricostruzioni, fu scrittore e critico d’arte, appoggiando il movimento realista che considerò necessario per andare verso il “nuovo”.
Venne nominato Sovrintendente delle Scuole di Disegno Professionale di Torino (1873) e s’interessò di didattica artistica.
Socio della Società degli Acquafortisti nel 1874.
Per l’Esposizione generale del 1884, fornì il disegno per il Padiglione della Città di Torino e si occupò della decorazione pittorica e scultorea per la realizzazione del borgo Medievale del castello del Valentino, fornendo i disegni ai pittori Alessandro Vacca e Carlo Follini.
Morì di nefrite a 47 anni e gli fu dedicato un partecipato necrologio su L’Illustrazione Italiana del 1884.

Bibliografia:
STELLA 332;
JUGLARIS, Carte sciolte;
MANNO;
MARINI G.L., Federico Pastoris in Dizionario enciclopedico dei pittori e degli incisori italiani, vol. VIII, Torino, Bolaffi, 1975
MALLÈ (1976) 3-74;
GIUBBINI 223-236;
BELLINI 308/309;
MARINI (1995) 376, (2007) 656

Scheda a cura di: MR